Naima 2004 – De Conciliis

Avevo acquistato questa bottiglia un anno fa, e ieri sera per una cena a base di conchiglioni ripieni al forno, ho ritenuto che fosse giunto il momento di stapparla.
Chiariamoci, non dico che sia l’abbinamento perfetto, ma lo era per me che seguo il principio “abbinare ad ogni piatto il vino che ti pare”  ;).

Il Naima 2004 è un aglianico in purezza, vino dal colore rosso rubino, con un leggero contorno violaceo.
Al naso una nota ferrosa copre inizialmente profumi di prugne cotte, marmellatose. Si aggiungono note di viole, e i sentori terrosi riemergono con ricordi di muschio e humus, accompagnati da note di spezie dolci tra cui spicca la vaniglia.
In bocca rivela un carattere austero e ancora giovanile, poco propenso al compromesso, con una nota tannica prevalente che lo rende allappante e lievemente scontroso. Ad ogni sorso la parte anteriore della lingua si asciuga subito e rimane un pò ruvida, come quando si addenta una pera non molto matura. Buoni l’acidità e la struttura, anche l’alcol si fa sentire ma non è sbilanciato, lascia in bocca un finale amarognolo.

Da attendere ancora un pò per poterlo gustare al meglio delle sue numerose potenzialità.

Annunci
Explore posts in the same categories: degustazioni

Tag: , , , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

4 commenti su “Naima 2004 – De Conciliis”

  1. tanninome Says:

    Ciao Andrea, proprio qualche giorno fa sono andato ad una verticale di Naima. Sono rimasto estasiato dalla personalità di Bruno De Conciliis e infatti oggi ho pubblicato proprio una recensione tra cui c’è anche la 2004 (l’annata 1999 e la 2006 sono l’eccellenza).
    In ogni caso si tratta di un vigneron fuori dagli schemi che conquista ad ogni parola, la sua immensa passione è poesia, come i suoi racconti ed i suoi aneddoti. Se poi hai due minuti fai un salto sul mio blog e leggi le mie parole che poi sono le sue che ho semplicemente riportato.
    A presto,
    Francesco


    • Letto!!
      Davvero interessante e meritevole la verticale!
      Lo ricordo come un vino particolare il Naima in questione, e credo che poter ascoltare il suo creatore sia esperienza davvero unica!

      • tanninome Says:

        Io poi non ci posso fare nulla ma ho un debole per chi produce vino e coccola e parla delle proprie creazioni con amore, come se fossero figli. A livello comunicativo cento volte meglio di tanti altri, magari di competenza indiscutibile, che tuttavia risultano un po’ freddi e concreti su un’impronta incentrata unicamente sul marketing. A presto!


      • Hai ragione, e credo che chi lavora con passione riesce anche a trasmetterla ai suoi interlocutori.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: