Jeudi 15 2010 – Anna Martens

Anna Martens ha lavorato per anni in cantine d’elite come Ornellaia e Passopisciaro prima di intraprendere quest’avventura in solitaria e produrre il suo vino. 
I filari di questa enologa australiana si trovano nei dintorni di Solicchiata, sulle pendici dell’Etna, ed è da una vigna di 90 anni che nasce il “Vino di Anna”, tra i due che produce probabilmente quello più importante.

Io ho assaggiato invece l’altro, il Jeudi 15 2010,  derivante da Nerello Mascalese con piccolissime percentuali di Carricante. 
Vinificato in semi macerazione carbonica, che passa prima in tini di legno e poi in acciaio dove rimane per 9 mesi sui suoi lieviti.

Semplicità e bevibilità, eccolo il leitmotiv di questo vino.

Liquido di lieve torbidità, che riflette colori porpora e rosso intenso.
Subito al naso una piccola nota sulfurea, poi si esaltano i frutti di bosco, more e ribes su tutti, una ventata di erba fresca e sentori terrosi, di sottobosco, appena pungenti.
Si si, con bevibilità possiamo racchiudere in una parola l’anima di questa bottiglia. La semplicità è la sua virtù, e non una banalità. 
Decisamente succoso e dissetante, con un minimo residuo di carbonica che trotterella sulla lingua come in una sorta di massaggio.
E la moderazione alla mescita è pura utopia.

Annunci
Explore posts in the same categories: degustazioni

Tag: , , , , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: