Archive for the ‘Vinix Live! #16’ category

Vinix Live! #16: Cardinali

14/01/2013

Il termometro dell’auto indicava una gradazione ampiamente sotto lo 0, i campi che costeggiavano l’autostrada erano candidi e il sole splendeva nel mezzo di un cielo limpidissimo. Insomma era proprio una bella domenica quella di inizio dicembre quando ci siamo appropincuati in territorio piacentino in visita ad alcune cantine per completare il cerchio dei partecipanti al Vinix Live!

map3

Laura Cardinali è una ragazza solare, di disponibilità e cortesia davvero ammirabili. Nonostante la giornata festiva e impegnativa ci ha accolto con il sorriso e a braccia aperte nella cantina che conduce assieme al fratello Alberto, sulle colline che dominano lo splendido borgo di Castell’Arquato dove la vista è davvero mozzafiato.
Ci fa accomodare nella splendida sala degustazione, con tanto di camino acceso (eh sì la giornata richiedeva proprio un bel posto caldo), e  ci racconta con calma e passione un pò la storia della loro azienda.
Dapprima era suo babbo che produceva vino, poi sono subentrati lei e suo fratello nella coltivazione dei 5 ha vitati, e proprio ad Alberto si deve la conversione della cantina ad una coltivazione ed una vinificazione senza l’utilizzo di chimica.
Tant’è che due dei loro prodotti (Tomà e il Brut Nature)  escono senza la dicitura “contiene solfiti” in etichetta perchè il residuo nel liquido non supera i 10 mg/l.

cardinali vini

Come già detto qualche post fa non voglio recensire nessuno dei vini assaggiati che saranno presenti il 26 gennaio, ma un episodio divertente capitato quel pomeriggio vorrei raccontarvelo. Eravamo all’assaggio del Solata e Laura ci spiegava che questo vino fa una breve macerazione, cosa non usuale per i bianchi che di solito si trovano in commercio. Al che la mia compagna d’impulso, nella sua ingenuità enoica, dice: “Ma se il risultato è questo, perchè non li fanno tutti in questo modo?!”.  😉

Al Vinix Live! Laura e Alberto presenteranno i seguenti prodotti:

cardinali brut natureCardinali Brut 2009, un metodo classico millesimato (almeno l’85% delle uve vengono da un unica vendemmia)  sboccato dopo 36 mesi, senza solfiti aggiunti (come accennato in precedenza).
Deriva da un uvaggio di Malvasia, Marsanne, Ortrugo, Chardonnay, Sauvignon e Moscato.
Circa 1000 le bt prodotte.

 

 

cardinali solata

 

 Solata 2011, bianco da uve Malvasia, Sauvignon, Ortrugo e Moscato, subisce una breve macerazione sulle bucce.
Non filtrato.

 

cardinali gutturnio superioreGutturnio Classico Superiore 2010, deriva dalla vigna Nicchio, ma non è stato chiamato con il nome della vigna come avviene solitamente, perchè l’annata non è stata particolarmente clemente e hanno ritenuto opportuno fare una sorta di autodeclassamento. Una specie di “piccolo Nicchio”.
Anche questo come il Brut Nature non ha la dicitura “Contiene solfiti” in etichetta.

 

cardinali dolce montepascolo

 Dolce Montepascolo 2010,vendemmia tardiva con successivo appassimento delle uve per circa 4 mesi. Meno di 1000 bottiglie prodotte.

.
Cardinali Azienda Agricola
Vigneto Montepascolo 29016 Castell’Arquato (PC)
Tel. 0523 803502 – Cell. 335 6811608
www.vignetocardinali.it
info@vignetocardinali.it

Annunci

Vinix Live! #16: Crocizia

11/01/2013

Continuiamo il nostro viaggio alla scoperta delle cantine che parteciperanno al Vinix Live! del prossimo 26 gennaio al Luoghetto di Torre Maina.

map2
Abbiamo appena lasciato Coviolo e il territorio reggiano per addentrarci in un’altra provincia emiliana: quella di Parma.
Qui sulle prime colline, a Pastorello di Langhirano, incontriamo Marco Rizzardi, titolare dell’Azienda Agricola Crocizia.

crocizia

L’Azienda Agricola Biologica Crocizia nasce circa 15 anni fa recuperando un piccolo podere abbandonato, le cui terre per quasi cinquant’anni non sono state coltivate nè concimate, favorendo così un arricchimento organico e minerale del suolo. I vigneti sono circondati da boschi, prati e alberi da frutto, e alcuni di essi sorgono su una terrazza naturale che si affaccia sul torrente Parma.
Malvasia di Candia, Sauvignon, Barbera, Croatina e Pinot Nero sono i 5 cavalieri che vinificati arriveranno in bottiglia, attraverso rifermentazioni naturali in cui Marco crede molto “..perchè a contatto con i lieviti il vino è ancora vivo, si conserva meglio, evolve sempre…”.

Dal 2003 l’Azienda ha scelto di adottare il metodo di coltivazione biologica in vigna, e anche in cantina si cerca di intervenire il meno possibile non usando additivi, chiarificanti, lieviti ed enzimi selezionati, ed i vini non sono filtrati, per non modificare quelle caratteristiche che il liquido ha assunto con la vinificazione.

vini crocizia

Al Vinix Live! #16 potrete assaggiare:

Bèsiosa 2011, vino frizzante bianco da uve Malvasia di Candia aromatica

besiosa Crocizia

Sol e stèli 2011, IGT Emilia Sauvignon frizzante

sol e steli Crocizia

Balòs 2011, IGT Emilia Rosso frizzante da uve Pinot Nero (non ero abituato a sentir parlare di Pinot Nero in queste zone, ma se il risultato è questo allora…) 😉

balos Crocizia

Marc’Aurelio 2011, IGT Emilia Lambrusco

marc'aurelio crocizia

Azienda Agricola Crocizia
Strada per Crocizia 7 43010 Pastorello di Langhirano (PR)
Tel/fax: 0521 854450 – Cell. 329 4249222
www.crocizia.com
info@crocizia.com

Vinix Live #16: Denny Bini

31/12/2012

Il Vinix Live! Tour si sposta ora più a ovest, lasciando la provincia modenese ed entrando in territorio reggiano.

map1
Di Denny Bini ne ho parlato poco tempo fa, in tempi ancora non sospetti per Vinix Live!

Al Luoghetto Denny porterà, oltre ai vini, anche le sue marmellate fatte in casa, vivamente raccomandate da Vittorio. 😉

Il 26 gennaio potrete assaggiare:

levante 90 denny bini

Levante 90 : bianco frizzante, ottenuto dalla vinificazione di un piccolo vigneto dove sono presenti alcune varietà aromatiche, è un uvaggio nato più dal caso che dalla tecnica, che subisce una macerazione di una notte.

ponente 270 denny bini

Ponente 270: rosso frizzante che deriva dall’unione di tutte le uve lambrusche presenti nel vigneto, sottoposte a breve macerazione di 3 gg.

libeccio 225 denny bini

Libeccio 225: rosso frizzante, è l’espressione fedele della rusticità del lambrusco Grasparossa, qui vinificato in purezza. Il vitigno in questa bottiglia si manifesta nella sua versione più schietta e tradizionale.

grecale 45 denny bini

Grecale 45: rosso frizzante da malbo gentile in purezza, un frizzante un pò fuori dagli schemi. Assaggiare per credere.

tramontana 360 denny bini

Tramontana 360: dulcis in fundo il passito (rosso) da malbo gentile. Un fiore all’occhiello nella produzione di Denny. Vendemmiato e lasciato appassire in fruttaio fino a gennaio, dopodicheè vengono diraspati i grappoli a mano, acino per acino e fatti macerare per 40 gg.

Az. Agr. Bini Denny – Podere Cipolla
Via Pomponazzi 29 42100, Coviolo (RE)
Tel. 320/0229600
denny.bini@libero.it

Vinix Live! #16: Vittorio Graziano

27/12/2012

Inizio con Vittorio Graziano la presentazione degli 8 vignaioli che parteciperanno al Vinix Live! #16, più che altro per una sorta di “campanilismo” visto che sarà l’unica cantina ad onorare la città della Ghirlandina.
Tutte Le cantine presenti al Luoghetto sono state da me visitate, ma in questi post non parlerò dei vini lpresenti all’evento, perchè voglio lasciarvi la sorpresa. Una bella sorpresa.
Ricordo che per l’occasione, il 26 gennaio, si potranno acquistare i vini in degustazione ad un prezzo molto vicino al prezzo sorgente (ovvero molto vicino a quello praticato a distributori, enoteche, ristoranti…), come da regolamento Vinix Live!.
(Per correttezza e chiarezza verso produttori e acquirenti voglio sottolineare che questo prezzo di favore sarà praticato SOLO ED ESCLUSIVAMENTE durante il Vinix Live!, quindi se in un futuro acquisterete, anche in cantina, questi vini non vi verrà praticato lo stesso prezzo)

cantina Vittorio Graziano

La visita alla cantina di Vittorio Graziano era in agenda da un pò di tempo. E così, con la scusa di organizzare questo VinixLive#16, ho approfittato e sono andato da lui.
Persona loquace e simpaticissima, Vittorio mi racconta delle sue vigne e della sua terra.
Ha diversi vigneti sparsi tra le colline di Castelvetro, alcuni sono vecchie varietà autoctone che lui stesso ha recuperato ma ancora non è riuscito a dargli un nome. Già perchè per un test del DNA servono cifre a 3 zeri.
I suoi filari sono per metà inerbiti a rotazione annuale, spesso con favino da sovescio, anche se non gli dà risultati troppo soddisfacenti. Quindi quest’anno ha seminato del trifoglio e vuol provare a vedere se, attraverso i rhizobium azotofissatori, le vigne ne trarranno maggiori vantaggi.

castelvetro panorama

Piante basse a cordone speronato, nessuna concimazione, nessuna irrigazione, 6000 ceppi/ha che producono circa 1 bottiglia ciascuno. Si perchè la pianta non deve avere una sovrapproduzione, deve avere un suo equilibrio naturale, solo così può resistere anche nelle annate difficile. Solo poltiglia bordolese per i (pochissimi) trattamenti, nient’altro, nemmeno altri prodotti ammessi in agricoltura biologica.
Così nascono i vini di Vittorio Graziano.
Vini derivanti dall’unione di più vitigni, perchè lui non ama i monovitigno ..”sono una fissazione, una moda…” dice “..il vino da monovitigno va bene nelle annate ottime, ma in quelle annate dove l’uva incontra delle difficoltà? Un vino da monovitigno rischia di essere pesantemente penalizzato”.
E così nasce il Ripa di Sopravento, da varietà bianche, e il Lambrusco, da uve grasparossa ed (in minime quantità) altri vitigni rossi autoctoni. Tutti derivanti da fermentazione spontanea, in bottiglia.
Mentre chiacchieriamo e beviamo qualche calice mi mostra la sboccatura à la glace a mano.
Per la tappatura sceglie un tappo di sughero morbido “…perchè poi si vengono a lamentare che è troppo duro da stappare” dice con sguardo divertito, ed aggiunge anche il tappo a corona che garantisce un miglior contenimento della carbonica. Rifiuta il tappo a fungo perchè lo reputa pericoloso. Se non si sta attenti una volta tolta la gabbietta, potrebbe partire a tradimento.
Il tempo passa in fretta, opinionando sull’enogastronomia odierna, su vin de terroir e vin “de laboratoire“, sui giovani che dovrebbero valorizzare e portare avanti cibo ed vino di qualità. 
Prima di partire mi fa assaggiare direttamente dalla botte un blend di quei vitigni autoctoni che ha recuperato. E’ un rosso fermo ancora in divenire, ma ha già una bella polpa e una discreta beva, per Vittorio però necessita ancora di un annetto in bottiglia per essere pronto.

vittorio graziano

Lo saluto con qualche bottiglia sottobraccio e un cimelio che conserverò con cura: una confezione autografatami in diretta da lui. 😉

Vittorio sarà presente al Vinix Live! #16 con i seguenti prodotti:

– Fontana dei Boschi 2010 (lambrusco)
– Ripa di Sopravento 2010 (da diverse varietà di uve bianche) (se ne ha ancora)
– Sassoscuro 2007 (da diverse varietà di uve rosse)

Vittorio Graziano
Via Ossi, 30 
41014 Castelvetro (MO)
Tel. 059-799162
graziano.vignaiolo@gmail.com

Agriturismo “Il luoghetto”, la sede del prossimo Vinix Live!

24/12/2012

il luoghettoL’Agriturismo “Il luoghetto” ospiterà il sedicesimo Vinix Live il prossimo 26 gennaio.
Abbarbicato sulle prime colline modenesi, è condotto da trent’anni da Nicola Casiello, pastore pugliese dall’approccio burbero e scontroso, che però nasconde un cuore tenero.
Lui identifica il vero agricoltore, colui che crede fortemente nella terra come basilare fonte per soddisfare i bisogni dell’uomo. E come tale la tratta con estrema cura e dedizione.
Nella sua stalla 30 pecore (munte rigorosamente a mano) gli danno il latte per produrre ricotta e formaggi. Disilluso e a tratti rassegnato perchè capisce di essere una mosca bianca nel mondo del business, Nicola, al contrario di ciò che vuol far sembrare, continua ancora, stanco ma imperterrito, a lottare per l’unica agricoltura che conosce, quella sostenibile.

DSC_7946Con fatica e sacrifici, nel corso degli anni, è riuscito a ristrutturare i casolari rendendo questo luogo un’oasi magnifica, dove regnano pace e tranquillità.
In campagna è aiutato da Michele, mentre in cucina Daniela prepara prelibati manicaretti utilizzando principalmente materie prime prodotte dai campi del Luoghetto.
Già perché questo è ancora un Agriturismo con la lettera maiuscola, come si intendeva una volta, quando ancora per acquisire tale nome vigevano regole più restrittive e tutelanti per i commensali.

Durante il pomeriggio, un piccolo buffet ricco di stuzzicherie, ristorerà i partecipanti tra un calice e l’altro, mentre per la cena Vinix Live (ricordo l’obbligo di prenotazione, come indica il programma) la cucina del Luoghetto offrirà il seguente menù:

menu Vinix Live

L’agriturismo dispone anche di 8/10 posti letto, per ritemprare i viandanti affaticati (o brilli!).

Di solito chi viene una volta al Luoghetto ci torna sempre, chissà perché… 😉

Agriturismo “Il Luoghetto”
Via Gaiano, 1 – Torre Maina di Maranello (MO)
Tel. 0536 943684
Web: www.luoghetto.com

E-mail: info@luoghetto.com

VINIX LIVE! #16 : il 26 gennaio 2013 all’Agriturismo “Il Luoghetto” di Torre Maina (MO)

21/12/2012

vinix live #16

Era da un pò che l’idea di organizzare una piccola iniziativa enoica mi ballonzolava, stile partiecella di sodio, per i meandri bui della mente. Poi pian piano, grazie anche all’aiuto di amici e parenti, questa idea ha sempre più preso forme reali fino a trasformarsi nel prossimo Vinix Live!
Ma che cos’è un Vinix Live! ? Per chi non lo sapesse rimando qui, alla pagina del sito.

L’intenzione dell’eventoè quella di voler promuovere e valorizzare i prodotti della mia regione, l’Emilia Romagna, principalmente a matrice biologica e naturale.
Chi ha familiarità con questo blog conosce bene il  mio enopensiero e il mio interesse perseverante verso i vini naturali.
Questo Vinix Live! vuole quindi far conoscere ad un ampia schiera di persone, che va oltre gli enoappassionati, questa tipologia di vini. Ragion per cui ho voluto invitare vignaioli emiliano-romagnoli che traducono l’uva in vino con metodologie poco invasive, lasciando alla natura la parte principale della scena.

Gli spazi non mi hanno permesso di estendere l’invito a tutti quei produttori regionali che lo avrebbero meritato, così mio malgrado ho dovuto fare una selezione decisa da diverse variabili, e non necessariamente solo da preferenze personali.
Così come ho dovuto rinunciare a contattare altri che magari operano con metodologie tradizionali e non biologiche (e che ottengono vini davvero degni di nota) proprio per non snaturare quest’impronta bio-naturale che volevo dare all’evento.

Il tutto avrà luogo presso l’Agriturismo “Il luoghetto” in via Gaiano 1, a Torre Maina, in provincia di Modena, che avrà modo di presentarvi a breve, in un post dedicato.
Qui potete trovare il programma (quasi) completo e dettagliato, e in fondo alla pagina anche il formato pdf da scaricare.

Durante la giornata (alle 18 circa) si svolgerà il Baratto Wine Day, libero scambio di vini con la formula del baratto.

Nei prossimi giorni pubblicherò su queste pagine informazioni più dettagliate sulle cantine partecipanti, perciò stay tuned e…ci vediamo il 26 gennaio!! 😉

Scarica il programma in pdf del Vinix Live! #16